Rosso Gargano, leader in Giappone. Export in forte crescita

 In News

Filo diretto con il Giappone per il pomodoro foggiano. L’azienda Rosso Gargano dedica la gran parte del suo export al paese del Sol Levante, «circa il 37% del pomodoro italiano proviene dalla nostra azienda» affermano i vertici dell’industria foggiana che produce nello stabilimento dell’area industriale di borgo Incoronata. Una delegazione di produttori giapponesi guidata dall’imprenditore Sato è stata nei giorni scorsi negli impianti dell’azienda foggiana per chiudere una fornitura di pelati, passata e conserve. «La legge che impone l’obbligo di indicazione sull’etichetta dell’origine del prodotto – afferma in una nota Rosso Gargano – rappresenta per la nostra azienda un ulteriore passepartout per incrementare le quote di esportazione in Giappone, paese particolarmente vigile sulla trasparenza e delle produzioni e che rispetta rigidi parametri ambientali ai quali la nostra azienda ovviamente si attiene in maniera molto scrupolosa». Dalle confezioni di pomodoro «for the Japan» di Rosso Gargano è stato infatti abolito il vetro, materiale considerato altamente inquinante nel grande paese dell’estremo Oriente e che viene regolarmente sostituito con materiali meno inquinanti come le confezioni di latta. «Il Giappone ha dei criteri molto rigidi di qualità che Rosso Gargano supera brillantemente – ha detto Sato – abbiamo appena concluso il nostro lavoro a Foggia e torniamo in Giappone sicuri di aver importato uno dei prodotti italiani di più elevata qualità». I mercati di riferimento di Rosso Gargano sono legati a tutti quei Paesi e importatori che pongono la certezza dell’origine del prodotto al centro della loro richiesta di fornitura. Oltre al Giappone, dove l’azienda esporta, come accennato, il 37% del pomodoro italiano, uno dei mercati di riferimento dell’azienda foggiana sono gli Stati Uniti e soprattutto lo stato di New York. Oltre ai vasetti di consumo famigliare (in vendita nella grande distribuzione), sono la ristorazione, forni, pizzerie a consumare il prodotto di Rosso Gargano. «Confezioni – rileva l’azienda – esportate anche in paesi come Israele e la Corea del sud, in diversi casi con un’etichetta diversa per facilitarne la diffusione nelle catene di distribuzione». Agroalimentare e turismo anche nell’immediato futuro di Rosso Gargano e del consorzio Gargano mare: un accordo è stato stipulato con gli agricoltori di Vieste, l’azienda foggiana esporrà infatti nei propri stand fieristici poster sul Gargano e sulle località più rinomate della costa. L’obiettivo è esportare non solo il pomodoro made in Foggia, ma anche il turismo garganico in una sorta di brand unico: primo appuntamento la fiera del biologico “Sana” di Bologna dal 7 al 10 settembre, quindi il Sial di Parigi, il salone dell’agroalimentare tra i più importanti del mondo, in calendario a ottobre.

Post recenti